Spagnolo per Italiani

Fonte: Elle Hughes su Pexels

Non Comprare Nessun Corso di Spagnolo Prima di Aver Letto Questa Guida

Ricordo ancora le figure di merxa epiche che facevo durante il mio primo viaggio in Nicaragua.

Era il 2005 ed avevo deciso di andare in questo splendido paese del Centro America per incontrare di persona una bellissima ragazza che avevo conosciuto online qualche mese prima.

C’era stata una conversazione costante via chat… lei madrelingua spagnolo ed io che non sapevo spiaccicare una parola in quella lingua.

Da capra italiana ignorante, ero pure profondamente convinto di alcun falsi miti sulla lingua spagnola… insomma che, alla fine, lo spagnolo per italiani era facile.

Ma non solo…

All’epoca non me ne rendevo conto, però poi col tempo ho realizzato che ci sono davvero tantissimi “falsi miti” sull’apprendimento dello spagnolo per noi italiani.

Falsi miti, ma anche alcune difficoltà specifiche per gli “italofoni”.

Ecco perché ti sconsiglio di comprare qualunque corso di spagnolo, prima di aver letto questa serie di avvertenze e suggerimenti che troverai in questa guida.

Va bene… partiamo dai falsi miti dello spagnolo per italiani (… ma non solo).

Falso Mito #1: È Più Facile Imparare lo Spagnolo Quando Sei Piccolo

Questo falso mito sinceramente è molto frequente e di solito è un dubbio che viene espresso dagli studenti di mia moglie.

(Sì, nel caso te lo stessi chiedendo… quella ragazza che ho conosciuto in Nicaragua ormai 13 anni fa, dopo poco tempo è diventata mia moglie… 😊)

Va bene, tornando allo spagnolo per italiani…

… ti dicevo che gli allievi di mia moglie sono profondamente convinti dell’enorme vantaggio che avrebbero avuto se avessero iniziato ad imparare lo spagnolo da bambini.

Mi sono molto incuriosito, anche perché anch’io nutrivo più di qualche dubbio (viste anche le figure barbine che ti ho accennato prima).

E quindi mi sono un po’ documentato ed ho scoperto un bel libro, scritto dall’autrice María del Pilar Montes de Oca, che si chiama “Mitos de la lengua”.

“Ma quindi tu addirittura leggi in spagnolo?”

Eh beh sì, ti ho detto che ho sposato una madrelingua… quindi almeno per dovere coniugale, ho dovuto imparare questa splendida lingua… 😃

Ti dicevo, in questo libro l’autrice fa giustamente riferimento a questo falso mito, ed in particolare scrive che quando un essere umano si trova nella fase dello sviluppo linguistico, nei primi anni di vita, è immerso in un processo naturale e, per questo, è totalmente preparato ad affrontarlo.

In altre parole, fa proprio parte del nostro DNA in quanto umani.

Socialmente e umanamente abbiamo bisogno, proprio come specie, di evolverci tramite la lingua o le lingue che vengono utilizzate intorno a noi… lo facciamo per istinto di sopravvivenza.

Va bene, quindi è vero che il cervello di un adulto è meno flessibile rispetto a quello di un bebè.

Ma perché?

Perché noi adulti conosciamo già il mondo con un’altra lingua. Seguendo la teoria dell’autrice, i bambini devono imparare non solo una lingua, ma devono conoscere il mondo da zero. Devono assimilare concetti totalmente nuovi.

La mente adulta già sa tutto (più o meno) nella sua lingua ed è per questi motivi che imparare lo spagnolo ad esempio richiede un aiuto, un sostegno per rendere l’apprendimento più facile.

Però però…

Conosco alcuni allievi di mia moglie che riescono a mantenere una conversazione più o meno fluida in spagnolo, dopo aver studiato solo 3 mesi oppure senza aver parlato la lingua per 5 o 6 mesi.

Ecco, paragoniamo questi casi con i bambini.

Quanto ci mette un bambino a pronunciare le prime parole: mediamente 2 anni

Ok, e già questo dovrebbe farti venire qualche dubbio. Sono gli ostacoli che incontriamo che ci ingannano… crediamo che sia più difficile, ma non è così.

Magari, prima di comprare un corso di spagnolo online, potresti valutare se quel corso propone un metodo formativo basato sulla “mentalità dei bambini”.

Ad esempio:

  • Imparare lo spagnolo per italiani con metodi divertenti
  • Ascoltare molto, proprio come i bambini che sentono parlare la gente costantemente. Nei primi mesi ascoltano soltanto, e dopo, più tardi iniziano a ripetere ciò che hanno ascoltato
  • Non avere vergogna, infatti ai bambini non gli importa proprio niente se pronunciano male certe parole oppure se fanno errori di grammatica… continuano a parlare e provare fino a quando non riescono ad esprimersi correttamente
  • Stimolare la pazienza, cioè non voglio dire che un bambino ha pazienza in modo naturale (anzi… conoscessi mio figlio… 😈 😅), ma mi riferisco al fatto che non si preoccupano di imparare tutto con rapidità

In sintesi, quando devi scegliere un corso di spagnolo, accertati che tu:

  • Possa divertirti nell’apprendimento
  • Abbia la possibilità di ascoltare molto
  • Sia stimolato o stimolata a parlare in un ambiente empatico (anche online)
  • Sia incoraggiato o incoraggiata ad avere pazienza

Falso Mito #2: Non Ho Tempo per Imparare lo Spagnolo

Famiglia, lavoro, scuola, amici, ecc.

A volte, sembra proprio che non abbiamo tempo per niente, ma non è vero quasi mai.

Spesso, molto spesso si tratta di priorità, la scala delle TUE priorità e poi, sinceramente, delle volte non ti va proprio, vero?

Imparare lo spagnolo per italiani non richiede che tu ti sieda per quattro ore di fila… ogni cacchio di giorno con lo stesso noiosissimo libro.

Basta studiare 20 o 30 minuti ogni giorno. Questo è il “grande segreto”: la costanza.

L’aspetto più importante di tutti è appunto la costanza, senza farti prendere dall’ansia (come succede a me… 😅) e liberarti dalle regole che ti sei imposto o imposta.

L’unica regola da rispettare è fare un pochetto, ma quel pochetto ogni cavolo di giorno.

Evita di fare tutto ciò che avevi in mente in un unico giorno. Per esempio, studiare tutti i sabati per 4 ore e non fare niente durante la settimana.

Questo è un errore molto comune nei corsi di spagnolo ed è molto probabilmente una delle cause principali per cui gli studenti che vogliono imparare lo spagnolo per italiano falliscono miseramente (e buttano i soldi dalla finestra).

Quindi anche qui… prima di comprare qualunque corso, sincerati che l’apprendimento sia diluito. Oppure scegli la modalità online e organizzati seriamente e in modo autonomo.

Meglio suddividere quelle 4 ore di studio nei 7 giorni della settimana, studiando 20 o 30 minuti al giorno. Tra l’altro, ti dico che potresti anche suddividere quei 30 minuti di studio nell’arco di una singola giornata.

So che può sembrarti strano, ma credimi, funziona… ti parlo per esperienza diretta.

Se non hai molto tempo, ti suggerisco di studiare almeno 10 minuti tutti i giorni. E questo oggi è veramente “super fattibile”, soprattutto se scegli un corso di spagnolo online.

Magari puoi interrompere per un attimo quella serie TV che stai guardando, ti metti lì e ti ascolti l’audio della lezione in spagnolo mentre lavi i piatti, mentre stai andando a lavoro o mentre ti stai cambiando per uscire.

Dai, alla fine tutti quanti abbiamo almeno 20 o 30 minuti liberi durante la giornata… la vera questione è la tua scelta, l’intenzione di trovarli.

Falso Mito #3: Non Sono Bravo (o Brava) ad Imparare le Lingue

In questo falso mito, io ci sono cascato alla grande… e forse dipende anche dalle cose che ci dicono gli altri, magari a scuola:

“Il ragazzo è intelligente, è portato per la matematica, ma non per le lingue”

O altre cavolate che magari anche tu ti sarai sentito dire a scuola.

Semplicemente non è vero.

Non voglio trasformare questa guida in un articolo scientifico di antropologia, però posso dire che noi esseri umani nasciamo con l’abilità innata di imparare le lingue (te l’ho accennato prima).

È questa una delle caratteristiche che ci differenzia dalle altre specie, ci qualifica rispetto agli animali e ci ha permesso di sopravvivere fino ad ora.

Insomma, la comunicazione ha permesso all’uomo delle caverne di avvisare la sua tribù se nei paraggi si aggirava un predatore… beh… dimmi tu se questa non è capacità di sopravvivenza.

Anche in questo caso, prendo ad esempio alcuni allievi di mia moglie che vogliono, come te, imparare lo spagnolo per italiani.

Beh, ti dico che c’è gente non molto istruita, senza una formazione accademica particolare che però, per un’esigenza personale o professionale, è obbligata a trasferirsi all’estero e la cosa incredibile è che dopo poco tempo diventano dei veri e propri bilingue.

Non solo gli allievi di mia moglie, ma anche mia moglie stessa. Dopo pochi mesi, parlava perfettamente italiano. Lei è docente certificata di spagnolo dall’Instituto Cervantes, ma non è laureata.

Tutto questo che ti sto raccontando dimostra che chiunque può imparare un’altra lingua. Mia moglie ed i suoi allievi sono motivati ad apprendere, anche perché da quello dipendeva o dipende ancora la loro stessa “sopravvivenza”, intendo vivere serenamente il trasferimento all’estero.

Ovviamente, non devi per forza avere l’urgenza di imparare lo spagnolo perché devi andare via dall’Italia, ma si tratta di motivazione, della TUA motivazione.

Ogni persona ha la sua.

E qui si potrebbe aprire un altro bel dibattito sui vari corsi e app che ci sono per imparare le lingue, soprattutto lo spagnolo per italiani.

Allora, riguardo alle app… vabbè… che te lo dico a fare, devi avere un’ottima motivazione, devi essere super determinato o determinata, altrimenti due giorni dopo averla installata, la abbandonerai… anche se si tratta di un’app a pagamento.

Se ci pensi un attimo, quanto resiste la tua motivazione? Da soli, la maggior parte delle volte, non ce la facciamo. Abbiamo sempre bisogno di un aiuto, di un sostegno, di un incoraggiamento.

Per i corsi di spagnolo idem con patate. Quindi, mi raccomando scegli bene… io ti consiglio di dare un’occhiata a questo.

Il vero motivo per il quale la gente non si sente all’altezza, che crede di non avere la capacità di imparare lo spagnolo è dovuto essenzialmente al fatto che non usano metodi di apprendimento adeguati.

Oppure perché ha già provato in passato, ma ha solo dei bruttissimi ricordi, un’esperienza frustrante e, a volte, anche umiliante… tutto questo a causa dei pessimi metodi formativi che utilizzano la maggior parte (se non tutti) i corsi, istituiti, app e scuole online che ci sono là fuori.

Falso Mito #4: Devo Imparare Moltissime Parole

Sapevi che per avere una conversazione quotidiana e districarsi decentemente nelle situazioni più comuni, ti basta conoscere tra le 250 e le 500 parole?

Lo so… ti sembra incredibile, no?

L’effetto ansia è sempre dietro l’angolo in questi casi, e questo falso mito era anche il più insidioso per me. Sì perché credevo di dover imparare migliaia di parole per parlare bene lo spagnolo.

E invece, col tempo ho scoperto che non è affatto vero.

Sebbene per essere fluenti e avanzati nella lingua siano necessarie più di 2.000 parole, non aver paura, ci sono molti metodi per aumentare la tua memoria (di cui parlerò più avanti) e nello spagnolo c’è molto vocabolario simile all’italiano.

Non hai bisogno di stare ore ed ore ripetendo la stessa parola, anzi questo metodo è addirittura controproducente.

E invece adesso ti svelerò i metodi che utilizzano i poliglotti di successo, metodi che furono sviluppati tantissimo tempo fa (mi riferisco all’Antica Grecia, quindi sìne è passato di tempo!).

In quell’epoca ovviamente non esisteva Internet, ed i libri erano un lusso per pochi, tra l’altro difficile da reperire, quindi la gente aveva bisogno di memorizzarli.

È allucinante se ci pensi, però andava proprio così… non potevo permettermi un libro e se riuscivo a trovarne uno magari in prestito, dovevo memorizzarlo… assurdo.

Oltre a questo, nelle lingue occidentali (ma ci sono alcuni casi anche nelle lingue asiatiche) esistono i cosiddetti “cognati”.

Questa graziosa parolina si riferisce a quelle parole che suonano uguale o in modo simile in due lingue diverse, ed hanno lo stesso significato.

Per esempio “noche” (spagnolo), “noite” (portoghese), “notte” (italiano), “Nacht” (tedesco), “night” (inglese).

Il fatto è che per tutte le lingue già sappiamo in anticipo una parte del vocabolario. E questo per te, che devi imparare lo spagnolo per italiani, è una notizia stupenda.

È incredibile la quantità di parole che abbiamo in comune, soprattutto riguardo alle lingue europee.

Però occhio ai “falsi amici”, che sono parole che suonano in modo uguale o simile, ma che rispetto ai “cognati” hanno un significato completamente diverso… e questi “bastardi” (con gentilezza parlando… 😇) sono i responsabili delle mie ormai celeberrime figure di cacca.

Vabbè, dei “falsi amici” te ne parlo fra un po’.

Tornando ai “cognati”, ti suggerisco di fare una bella ricerca su Google, in particolare troverai un sacco di “liste di cognati”… ti sorprenderai di quante ne esistono.

Ecco per imparare lo spagnolo per italiani con un primo metodo semplice, ma efficace, parti da qui… come facevano gli antichi greci: trova e memorizza i “cognati.

Falso Mito #5: Imparare lo Spagnolo per Italiani È Caro

Oppure, nella sua variante sofisticata… “prendere lezioni private di spagnolo è troppo caro“.

In alcuni casi questo falso mito non è un mito, ma è la verità.

E se a questo aggiungi pure il fatto che la maggior parte dei corsi di spagnolo sono noiosi ed inefficaci, beh… è chiaro che finisci per passare da un corso all’altro, da una lezione all’altra, spendendo un sacco di soldi.

Al contrario, studiare per conto tuo può essere una soluzione più efficiente, più rapida e sicuramente quasi gratuita confrontandola con le classiche lezioni delle varie scuole.

Vedi, quando studiavo spagnolo per italiani (per poter comunicare con mia moglie… 😊) mi è capitato di chiedere informazioni in giro, ed ho anche chiesto ad alcuni amici che andavano a lezione da anni.

Bene, questi miei amici erano bravissimi con la grammatica spagnola però non riuscivano a parlare la lingua… proprio facevano più fatica di me che dovevo ancora iniziare a studiare seriamente.

Il fatto è che, come in tutti i corsi di formazione, anche per quelli di lingua, la differenza la fa il docente.

Ma ti sconsiglio di affidarti completamente all’insegnante, cioè voglio dire che non imparerai lo spagnolo per il solo fatto di fare un corso o di andare a lezione.

Moltissimo dipende da te, a prescindere dal docente o dal corso.

Attenzione… non ti sto dicendo di non seguire nessun corso. Anzi, tutto il contrario.

Ora cerco di spiegarmi meglio.

Sicuramente ti sarai accorto o accorta che Internet è piena di materiale gratuito e utile. Ci sono video di YouTube, notizie in lingua, podcast, radio, siti web con esercizi, applicazioni, ecc.

Insomma, oggi grazie alla tecnologia, l’apprendimento dello spagnolo per italiani è una “sfida” alla portata di tutti (o quasi) e, tra l’altro, non è più neanche così costoso come lo era un tempo.

Ma non è sufficiente.

Se vuoi davvero raggiungere i tuoi obiettivi personali o professionali con lo spagnolo, hai comunque bisogno di qualcuno che ti guidi, che ti dia anche un incoraggiamento a continuare nei tuoi momenti di difficoltà.

È difficile trovare docenti e corsi fatti con empatia e senso etico, ma basta cercare un po’ ed alcune “perle preziose” si trovano… come questo corso ad esempio.


Ok, adesso che ho finito la carrellata dei luoghi comuni più diffusi sull’apprendimento dello spagnolo per italiani, non voglio mollarti così… proprio sul più bello… 😏

Infatti qualche indicazione utile su questo fronte, te le voglio comunque dare.

Ti ho accennato dei “falsi amici” prima… e sono davvero una “brutta bestia“. Ti ricordo che sono parole in spagnolo che hanno un suono molto simile all’italiano, ma che hanno un significato completamente diverso.

Ma ci sono anche alcune difficoltà più specifiche.

Allora, andiamo con ordine… più sotto ti illustro i principali errori che si fanno quando si studia spagnolo per italiani.

Spagnolo per Italiani: Le Difficoltà Più Comuni

Le difficoltà che derivano dalla somiglianza tra le due lingue (a volte solo apparente) implica una didattica specifica dello spagnolo per italiani.

I problemi che potresti affrontare anche tu come studente italiano o italiana di spagnolo si riferiscono essenzialmente a questi aspetti:

  1. Lessico (i “falsi amici”)
  2. Grammatica (differenze nell’uso del congiuntivo e del condizionale)
  3. Preposizioni (esistono costruzioni radicalmente diverse)
  4. Dimostrativi (esistono modi di usarli abbastanza diversi)
  5. Organizzazione del Discorso

Tanta roba insomma… partiamo.

Problemi di Lessico: i “Falsi Amici”

Se inizierai a studiare spagnolo per italiano, ti accorgerai presto che esistono tante parole che sono identiche o quasi, ma che come ti ho già detto più volte, esprimono un significato diverso.

I “falsi amici” più conosciuti sono:

  • Salire (italiano) = subir (español)
  • Salir (español) = uscire (italiano)
  • Subire (italiano) = sufrir (español)
  • Aceite (español) = olio (italiano)
  • Aceto (italiano) = vinagre (español)
  • Burro (español) = asino (italiano)
  • Burro (italiano) = mantequilla (español)
  • Espalda (español) = schiena (italiano)
  • Spalla (italiano) = hombro (español)

Guardali… sono cattivissimi, evitali appena ne hai l’occasione… 😒

Parole Uguali in Italiano e Spagnolo

Ci sono parole o espressioni quasi identiche nelle due lingue, ma che si utilizzano in modi diversi.

Per esempio, la parola “carta” in italiano può avere diversi significati perché può significare proprio “carta” (cioè il materiale vegetale sul quale si scrive ad esempio), però può anche significare “carta da gioco” oppure la “carta di credito“.

Mentre in spagnolo la parola “carta” significa sostanzialmente “lettera“, quella della corrispondenza cartacea.

Ecco che studiare lo spagnolo per italiani deve prevedere questa specificità, cioè l’apprendimento dei “falsi amici” o delle parole identiche.

Insomma, se devi prendere delle lezioni oppure un corso di spagnolo, accertati che sia prevista nel programma questa particolarità, anche perché ti può davvero aiutare a prendere coscienza che le due lingue si assomigliano molto meno di quello che si crede.

La cosa divertente è che queste cacchio di parole, questi problemi di interferenza si riscontrano anche in persone che hanno un’elevata conoscenza delle due lingue.

Per esempio, spesso mi capita di sentire mia moglie (che vive in Italia da oltre 15 anni ed è perfettamente bilingue) che, quando parla con alcuni amici ispanici, dice in spagnolo “carta de crédito“, invece di “tarjeta de crédito“.

Ti lascio immaginare come s’incaxxa quando glielo faccio notare… 😂

Parole o Espressioni Inesistenti In Una Delle Due Lingue

L’elevata, e spesso apparente, somiglianza tra l’italiano e lo spagnolo ha anche un’altra grave conseguenza.

È davvero molto comune utilizzare parole che non esistono nella lingua in cui ti stai esprimendo, cioè ti ritrovi ad “imitare” l’altra lingua.

Che casino… ti faccio un esempio: “Está pioggendo“. Questo perché “pioggia” si dice “lluvia” in spagnolo, ma il verbo in italiano è “piovere“.

Spagnolo per Italiani: Espressioni con “Fare” e “Dare”

Ci sono tantissime espressioni che in italiano si costruiscono con il verbo fare (“hacer” in spagnolo) + l’infinito di un altro verbo, ma in spagnolo non funziona così.

Io ci sono cascato tante volte qui… per noi italiani questa “roba” è sinceramente un po’ ostica, ti consiglio di prestarci molta attenzione (sempre se non vuoi farmi compagnia con le famose figure di “emme”… 🤭).

Ok, in spagnolo devi usare verbi come “dar“, “poner” o “volver“.

Qualche esempio:

  • Far venire fame = dar hambre
  • Far venire sonno = dar sueño
  • Far capire = dar a entender
  • Far impazzire = volver loco

Differenze Nell’Uso del Prefisso “Re-“

In alcuni casi, le due lingue presentano meccanismi uguali nella formazione delle parole… e questo induce a chi sta studiando spagnolo per italiani a produrre forme inesistenti in una delle due lingue.

Ad esempio, il prefisso “ri-” in italiano corrisponde al “re-” in spagnolo.

Ok, però la differenza sta nel fatto che il nostro “ri-” … come te lo dico… è più “produttivo” del “re-” in spagnolo.

Inoltre, nella nostra lingua, il “ri-” si può anteporre praticamente a qualunque verbo (fare/rifare, chiamare/richiamare, ecc.), mentre in spagnolo non è possibile mettere il “re-” prima di qualsiasi verbo.

Nella maggior parte dei casi, ciò che in italiano si esprime con il prefisso “ri-“, in spagnolo si utilizza l’espressione “volver a” oppure “de nuevo“.

Un paio di esempi:

  • chiamare / richiamare = llamar/volver a llamar o llamar de nuevo
  • correggere / ricorreggere = corregir/volver a corregir o corregir de nuevo

Un Consiglio Da Uno Che Ne Ha Girati Tanti

Bueno! Dopo 3.281 parole, ce l’hai fatta (e pure io… 😅).

Vuol dire che sei sopravvissuto o sopravvissuta… ti ho voluto dire proprio tutto, in particolare tutte le difficoltà che io stesso ho incontrato quando ho iniziato a studiare spagnolo per italiani.

Come hai visto ci sono molti luoghi comuni, pregiudizi e anche molte specificità che devi tenere presente nel momento in cui decidi di acquistare delle lezioni private o dei corsi online.

All’inizio della mia avventura linguistica con lo spagnolo, ne ho girati veramente tanti… credimi.

Non si contano gli insegnanti che ho contattato, scuole locali e corsi su Internet. La maggior parte delle volte, mi sentivo frustrato perché sentivo di non progredire, di non migliorare con l’apprendimento.

Anche mia moglie si è accorta di questo problema con i suoi allievi, è pienamente cosciente delle particolarità esistenti fra le due lingue e che ti ho raccontato in questa guida.

E quindi ci siamo chiesti:

“Ma è possibile che non esista nessun corso nel mercato italiano che abbia un metodo formativo decente e professionale?”

Abbiamo passato molto tempo a cercare e, alla fine, vista anche la naturale ostinazione di mia moglie, siamo riusciti a trovare la soluzione ideale, cioè i corsi proposti da questa giovane scuola online, “Elayaa.com“.

Ti consiglio di dare un’occhiata alle loro offerte perché probabilmente potresti trovare la soluzione perfetta per il tuo caso specifico.

È stato molto divertente scrivere questa guida e spero davvero che ti sia utile per imparare lo spagnolo.

A prestissimo! 😊

Scopri Elayaa.com »

BONUS ESCLUSIVI

Stiamo lavorando ad alcuni fantastici bonus per le persone che acquisteranno uno dei corsi di Elayaa.com attraverso questo link affiliato.

I bonus non sono ancora pronti, però quando lo saranno, li invierò a tutti quelli che si trovano nella nostra “bonus list”.

Nel frattempo, vogliamo regalarti una lezione strategica di 20 minuti con Judith, interamente dedicati a te in cui potrai definire ancora meglio il tuo piano di azione per l’apprendimento della lingua spagnola.

COME FARE PER AVERE LA LEZIONE GRATUITA

Segui con attenzione questi step per ottenere la lezione gratis ed i bonus:

  1. Clicca questo link e acquista uno dei prodotti di Elayaa.com
  2. A questo punto, sarai registrato o registrata come contatto nel loro sistema con il mio codice affiliato
  3. Dopo la scadenza della garanzia offerta da Elayaa.com (di solito dopo aver visto la quarta lezione del corso e comunque dopo 30 giorni dal tuo acquisto), e se sarai soddisfatto o soddisfatta dei loro corsi, mi puoi contattare in modo che io possa verificare che è andato tutto bene, organizzare la lezione gratuita con Judith, ed inviarti i bonus

Per qualsiasi dubbio, domanda o richiesta, conta pure su di noi e contattaci qui.

Marcello Cosa (… con la partecipazione straordinaria di mia moglie Judith Ruiz 😍)

Spagnolo per Italiani: Marcello & Judith

P.S.: Ti starai chiedendo chi c’è dietro questo strano sito web, così “minimal”, anzi “superminimal” direi… dallo stile “spartano”.

Beh, se ci vuoi conoscere un po’ di più, e scoprire qualche atro dettaglio su di me, Marcello, e mia moglie Judith, puoi leggere la pagina “About” (tranquillo o tranquilla, è molto, ma mooolto più corta di questa).

© 2021 SpagnoloPerItaliani.it | Studio Cosa | P.IVA: 02971730730 | Viale Unità D’Italia, n. 177 | 74123 – Taranto | Privacy Policy | Cookie Policy